Italiano
Promozione e marketing

L'area Marketing & Promotion sviluppa attività a supporto della promozione delle aziende in Italia e all'estero e della promozione complessiva del settore. Tutte le attività sono finalizzate a contribuire e a incrementare la penetrazione delle aziende nei mercati esteri attraverso una maggiore conoscenza degli stessi per mezzo di studi e analisi, una presenza diretta attraverso la partecipazione a fiere e simposi all'estero, un rafforzamento dei contatti con la clientela mediante la partecipazione a fiere in Italia, missioni incoming di operatori esteri.

 L'Area Marketing & Promotion sviluppa inoltre un'importante rete di relazioni e partnership, con istituzioni governative e private, italiane e internazionali. 

Le attività associative in area promozione e marketing si articolano nelle seguenti aree, consultabili online o scaricando il catalogo delle attività in pdf:

 

uff-promo@acimac.it

Informative

Convegno tecnologico a Ceramic Expo Middle East

Circolare P 21/2019 PG/gc

Attenzione: Titolare - Resp. Commerciale - Resp. Marketing - Resp. Fiere

XI° Meeting Annuale Acimac e Convegni Tecnici 2019 - PROGRAMMA

Circolare P 20/2019 PG/gc

Attenzione: Titolare - Resp. Commerciale - Resp. Marketing

Report post show fiere gennaio - aprile 2019

Circolare P 19/2019 PG/fc

Attenzione: Titolare - Resp. Commerciale - Resp. Marketing

Ultime comunicazioni

COMUNICAZIONI

L’industria italiana dei sanitari, stoviglieria e materiali refrattari

L’industria italiana dei sanitari, stoviglieria e materiali refrattari

Confindustria Ceramica ha presentato i dati relativi all’andamento dei tre comparti nel 2018. Bene i refrattari e la stoviglieria, in flessione i sanitari.

EFI presenta Cretaprint Hybrid a Ceramics China 2019

EFI presenta Cretaprint Hybrid a Ceramics China 2019

L’ultima innovazione EFI per la stampa digitale su ceramica sarà in mostra nella Hall 8.1 stand K201.

La piastrella italiana frena nel 2018

La piastrella italiana frena nel 2018

La produzione di piastrelle si ferma a 415 milioni mq (-1,6%), il fatturato del settore perde il 3% scendendo a 5,4 miliardi di euro. Elevatissimi gli investimenti tecnologici, ancora oltre i 500 milioni di euro.